Gioielli in stile tribale

Gioielli in stile tribale: alla scoperta dei gioielli etnici.

Viaggio alla scoperta dei gioielli etnici dall'antichità fino alle passerelle moda dei nostri giorni.

I gioielli in stile tribale – detti anche gioielli etnici – sono tra gli ornamenti più affascinanti, insoliti e originali che una donna possa decidere di indossare.

Innamorarsi di un gioiello etnico è facile: una collana etno ci parla della storia di un popolo, esprime la sua anima e la sua cultura con un design che va oltre la tendenza moda del momento.

Le origini dello stile tribale

Iniziamo questo viaggio alla scoperta dei gioielli etno dal continente più antico: l’Africa

I gioielli africani più antichi risalgono a ben 75.000 anni fa! i primi ornamenti della storia africana sono delle perle di conchiglie ritrovate in una grotta del Sud Africa. 

I gioielli tribali venivano realizzati in materiali naturali: avorio, osso, legno, conchiglie, pietra davano vita a collane imponenti, cinture, cavigliere, bracciali e copricapi, oggetti che per le tribù africane non erano solamente accessori ornamentali, ma anche simboli dei rituali religiosi e segni identificativi di appartenenza a uno specifico gruppo etnico.

Gli accessori africani ancora oggi raccontano storie ed usanze: le cavigliere si indossano durante le danze rituali, le cinture di perline e le catene in vita sono protagoniste delle cerimonie nuziali, mentre gli ornamenti in conchiglie di ciprea si utilizzano come forma di pagamento.

A tale proposito nel museo Smithsonian dell’arte africana di Washington troviamo questa splendida cavigliera conchiglie di ciprea proveniente dalla regione Kuba del Congo e risalente alla metà del 20° secolo.

La cavigliera è composta da una striscia di stoffa rettangolare ricoperto da file equidistanti di conchiglie di ciprea circondate da un bordo in perline blu e bianche. Quattro lacci sono cuciti a ciascuna estremità dell’ornamento.

Gli specialisti maschi di Kuba fabbricavano ornamenti etnici in stile tribale di grande pregio decorati con perline e conchiglie. Conchiglie di ciprea appositamente selezionate per le loro dimensioni e colore sono state attaccate alla base in tessuto di rafia in file o in motivi geometrici attraverso l’uso di intricate tecniche di annodatura.

Oggi come in passato, la maggior parte dei gioielli viene indossata per le cerimonie che accompagnano l’elezione di capi e altri funzionari titolati, danze tenute per riti funebri e di iniziazione e le visite di ospiti d’onore alla comunità. Tali oggetti di prestigio continuano ad essere scambiati in tutta la regione di Kuba e oltre i confini del regno con i regni vicini.

Gioielli imponenti, capaci di esaltare il fascino e la personalità di chi li indossa e di esprimere l’incredibile estro artistico degli artigiani africani.

Come non rimanere stupiti dalla bellezza di questo orecchino tribale e dall’eleganza della collana di perline così particolare eppure così facile da abbinare a un outfit casual? 

Collane portafortuna e Charm in stile tribale

Da ornamento tribale a portafortuna attuale, la Collana Acchiappasogni delle tribù native dell’America settentrionale  

L’acchiappasogni è diventato oggi il simbolo più riconosciuto dell’eredità dei nativi americani in Occidente, ma prima che diventasse un portafortuna alla moda o desiderabile, questo ornamento assolveva a una funzione ben precisa.

Sebbene sia tuttora aperta la discussione su quale tribù sia stata la prima a utilizzare gli acchiappasogni, la tradizione si è diffusa tra svariate nazioni indiane nel corso del ventesimo secolo e alla fine rimane molto simile in tutte e nasce nel seno della famiglia.

L’acchiappasogni era infatti utilizzato come un amuleto per proteggere i neonati dagli spiriti maligni, e allo stesso tempo svolgeva anche una funzione di distrazione ed intrattenimento del bambino nella culla.

Le faccende domestiche delle tribù americane venivano svolte all’aperto, dove la collana acchiappasogni veniva appesa sopra la culla per intrattenere i neonati con le piume o le frange che penzolavano al vento. Si credeva che l’amuleto proteggesse il bambino catturando o allontanando le forze negative. Con il passare del tempo l’acchiappasogni diventa un amuleto protettivo anche per i bambini più grandi dei quali cattura sogni brutti ed incubi proteggendo il loro sonno.

Il simbolismo che permea questo bellissimo ornamento etnico è molto forte: 

il cerchio rappresenta infatti il cerchio della vita e i cicli della natura;
il cerchio è anche simbolo del sole (la vita), della terra (il nutrimento) e della luna (la luce che illumina lo spirito dopo la morte);
la tessitura rappresenta la rete della vita intessuta dal maestro della natura, il ragno, rappresentato dalla perlina centrale al cerchio;
le piume, infine, rappresentano i tratti della personalità che i genitori desiderano instillare nei propri figli: la piuma d’aquila trasmette il coraggio, la piuma di gufo impartisce saggezza;
sempre le piume, nella mitologia tribale, filtrano i sogni e lasciano trapelare solo quelli felici. 

Il concetto di base che sta alle origini dell’acchiappasogni è che la grande ragnatela cattura gli incubi, tenendoli fermi fino all’alba, mentre i bei sogni vengono fatti passare e scivolano giù dalle piume e nella mente del bambino addormentato. Poi, ai primi raggi del giorno, quei sogni dannosi che sono stati trattenuti dalla rete si dissolvono al sole.

Un vero talismano portafortuna la cui immagine così potente e positiva ha trasformato gli acchiappasogni nei ciondoli etnici più diffusi nel mercato dei gioielli boho-chic!

Un talismano speciale: l'Occhio del Diavolo

L’Occhio del Diavolo è un talismano porta fortunatuna che risale addirittura all’epoca dei persiani.

Tipico della Turchia, non è solo il souvenir più popolare tra i turisti che visitano questa splendida terra, ma è anche il portafortuna più amato dai Turchi tant’è vero che adorna praticamente ogni casa o luogo di lavoro e può essere trovato nel portagioie di ogni donna.

L’ “Occhio del Diavolo” è una semplice perla di vetro blu o un oggetto con un occhio bianco e nero al centro. La credenza dice che è l’occhio che distrae da sguardi malevoli o gelosi, che secondo la superstizione potrebbero provocare danni, sfortuna o il malocchio!

Ci sono una varietà di perline disponibili in un assortimento di forme e dimensioni, alcune realizzate con vetro riciclato. Le più minute possono essere utilizzate per adornare gioielli, mentre le perle di 1 centimetro di grandezza sono fissate ai vestiti con una spilla da balia, pratica abituale per i neonati.

Gli occhi malvagi più grandi vengono appesi ai muri delle abitazioni così come sono o incorporati negli arazzi e spesso li ritroviamo anche appesi ai rami degli alberi.

Bracciali portafortuna

LIl braccialetto tribale portafortuna della Somalia: un meraviglioso ornamento etnico poco conosciuto.

Come non rimanere stupiti di fronte a questo meraviglioso bracciale etnico della Somalia?!?

Gli orafi dell’Africa orientale sono noti da tempo immemorabili per i loro ornamenti etnici e gioielli in oro. Sebbene l’argento sia il metallo preferito dai popoli dell’Africa orientale, anche gli ornamenti d’oro sono comuni e avidamente ricercati da coloro che possono permetterseli.

Questo bracciale cavo con custodia per amuleto è stato realizzato martellando fogli d’oro in forme tubolari e applicando sulla superficie minuscole sfere e filo intrecciato in motivi intricati. L’amuleto doveva contenere versetti del Corano appositamente preparati e avvolti strettamente da uno specialista.

In Somalia tali amuleti vengono indossati vicino alla pelle sia da uomini che da donne che desiderano promuovere la salute e il benessere. Nelle occasioni cerimoniali le donne indossano gioielli d’oro con amuleti, non solo per protezione ma anche come simbolo del loro status.

La maggior parte della lavorazione dell’argento e dell’oreficeria sulla costa somala viene eseguita da una corporazione di argentieri e orafi, considerati una casta di artigiani. Sebbene poco sia stato pubblicato sulla storia di questa tradizione, si ritiene che i gioiellieri somali, come gli intagliatori del legno, si siano ispirati a prototipi arabi e indiani.

Sempre in Africa troviamo anche questo braccialetto tribale con un cinturino in pelle regolabile inciso su un lato con due perline in ambra etnica che fiancheggiano un piccolo amuleto rettangolare.

Il piccolo rettangolo ricoperto di pelle tra le due grandi perle è un amuleto che probabilmente contiene versi relativi all’Islam. Come veniva indossato e da chi non si sa.

Le perle sono notevolmente grandi e in ottime condizioni considerando che sono molto fragili. Sono fatti di una resina locale, quella che gli specialisti delle perline chiamano ambra etnica.

Uno sguardo all'Europa.

Gioielli Celtici

Quando parliamo di stile tribale viene spontaneo pensare a terre lontane, ma anche in Europa storicamente le popolazioni erano organizzate in tribù con tradizioni e simboli che oggi definiamo etnici.

Molto antica e interessante è la storia dei gioielli celtici, che risalgono al periodo compreso tra il 2000 a.C. e il 550 d.C., quando gli artigiani nel Galles usavano argento e oro per creare gioielli straordinari che vantavano vari simboli celtici. Nel tempo, i processi di fabbricazione dei gioielli celtici si sono notevolmente affinati, sebbene l’integrità storica e culturale dei vari simboli non sia stata compromessa.

Mentre i gioielli celtici possono essere realizzati con una serie di metalli preziosi tra cui oro e titanio, i gioielli in argento hanno la reputazione non solo di essere durevoli, ma anche di possedere una bellezza senza tempo. Di tutti i simboli celtici che sono stati incorporati nel design dei gioielli, ce ne sono tre in particolare che sono stati molto richiesti per molto tempo.

Nodi celtici

I disegni dei nodi sono estremamente popolari nei gioielli celtici di origine gallese e spesso adornano spille, ciondoli, anelli e ciondoli in argento. Il motivo intrecciato delle linee continue piaceva molto ai Celti e simboleggiava le loro credenze relative non solo alla vita eterna, ma anche al complesso rapporto tra l’umanità e i regni naturali e divini.

Tra i nodi più usati in gioielleria c’è il nodo d’amore celtico, che simboleggia l’amore che due persone hanno l’una per l’altra. Si credeva anche comunemente che i Celti si scambiassero i nodi d’amore in modo simile a come si scambiano le fedi nuziali nei tempi moderni.

Altri nodi popolari che compaiono frequentemente nei gioielli in argento celtico sono intricati nodi marinai e nodi scudo. C’è anche il nodo Dara. Sebbene questo nodo celtico sia una creazione più moderna, è stato fortemente influenzato dai tradizionali nodi celtici ed è diventato un simbolo popolare tra gli amanti dei gioielli gallesi.

L’albero della vita

Oltre al nodo d’amore celtico, l’Albero della Vita è uno dei motivi celtici più famosi ed è ampiamente utilizzato sia nel design di gioielli che in altri mestieri. Gli antichi druidi celtici credevano che l’Albero della Vita avesse poteri speciali.

Il simbolo celtico dell’albero della vita ha molte interpretazioni diverse. L’Albero della Vita è una rappresentazione dell’armonia e dell’equilibrio nella natura. L’Albero della Vita, per i Celti, simboleggiava la forza, una lunga vita e la saggezza.

L’albero rappresenta anche la rinascita, poiché perderà le foglie durante la stagione autunnale, andrà in letargo durante l’inverno e rinascerà di nuovo una volta arrivata la primavera. I Celti credevano anche che provenissero effettivamente dagli alberi e li consideravano magici, esseri viventi. Si diceva che gli alberi proteggessero la terra e fungessero da porta nel mondo degli spiriti.

L’Albero della Vita collega i mondi inferiore e superiore mentre le sue radici crescono molto in basso mentre i suoi rami raggiungono l’alto. Il tronco dell’albero collega entrambi questi mondi al piano terrestre. Fu con questa connessione di mondi che si diceva che le persone sono in grado di comunicare con gli dei nei cieli usando l’Albero della Vita.

Sebbene la sagoma di base dell’albero rimanga in genere intatta, molte varianti sono state incorporate nel design dei gioielli nel corso dei secoli. Uno dei disegni la cui popolarità è in aumento è quello che illustra un albero che cresce da un vaso. Il vaso simboleggia Madre Natura, da cui hanno origine tutte le forme di vita. Gli orecchini e i ciondoli in argento sterlingTree of Life in particolare sono molto richiesti.

Croce celtica

Uno dei simboli più comuni utilizzati nei gioielli celtici gallesi è la croce celtica. La particolarissima croce con il cerchio che circonda l’intersezione dei due bracci risale al V secolo ed è non solo il simbolo più riconosciuto del cristianesimo celtico, ma anche un simbolo dell’intera cultura celtica.

I fabbri gallesi realizzano da secoli squisiti gioielli in argento raffiguranti la croce celtica, mentre i gioiellieri moderni sono rimasti per lo più fedeli alla tradizione.

Spille, ciondoli, orecchini e braccialetti con ciondoli a croce celtica sono spesso decorati con pietre preziose per un aspetto più sontuoso, anche se i pezzi d’argento senza ornamenti hanno il loro fascino senza tempo.

Le croci celtiche sono spesso presenti nei disegni sui cucchiai d’amore gallesi e in vari elementi decorativi per la casa.

I gioielli celtici in argento hanno una storia molto lunga e colorata in Galles. Nonostante le tendenze dei gioielli cambino ogni anno, gli squisiti pezzi di origine celtica continueranno a stupire per la loro bellezza senza pari e senza tempo.

Lo stile tribale sulle passerelle Moda oggi

Si chiama Tribal Look e si traduce good vibes!

Negli ultimi anni anche gli stilisti più blasonati hanno “scoperto” lo stile tribale traducendolo in eleganti capi da indossare per tutto l’anno. Sebbene l’etno-chic richiami all’estate, in realtà è declinabile in splendidi capi di abbigliamento da abbinare magari ai nostri jeans preferiti per creare un look davvero unico e originale in qualsiasi stagione.

A tale proposito ho dato una sbirciatina alle vetrine dello stilista sardo Antonio Marras ad Alghero e ho scoperto un’anteprima autunno / inverno 2021-22 che ci fa pensare a terre lontane, ma anche alle splendide tradizioni dell’Isola. In chiave tribal look!

Scopri i gioielli tribali di Mangata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Le ultime creazioni Mangata

Scopri tutte le creazioni Mangata, visita il nostro shop.

Ultimi articoli del blog

Oro rosa simbolo di eleganza

Oro rosa simbolo di eleganza

L’oro rosa simbolo di eleganza è da sempre considerato un’icona di femminilità e ricercatezza. Un anello oro rosa antico, svela subito il nostro romanticismo… L’oro

Legg tutto »
Orologio anello simbolo del tempo

Orologio anello simbolo del tempo

Scegliere un orologio anello simbolo del tempo significa indossare il tempo, vivere il fascino dell’orologio che diventa gioiello e ricorda la moda vintage dell’Art Déco!

Legg tutto »
il simbolo del cuore

Il simbolo del cuore

Il simbolo del cuore è il simbolo per eccellenza della passione e dell’amore, ma può rappresentare anche amicizia, fede, coraggio: perfetto su un anello particolare!

Legg tutto »

L’eleganza nei nostri gioielli artigianali, pensati per valorizzare la tua personalità!

Iscriviti alla newsletter Mangata

Iscriviti alla nostra newsletter per conoscere tutte le novità del mondo Mangata: nuove creazioni, promozioni e molto altro.
Riceverai un codice sconto 15% di benvenuto per il tuo primo acquisto!
Inserisci il tuo nome e la tua mail:

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy

SCONTI PREMIUM per te subito

iscriviti qui sotto!
Iscriviti alla Newsletter Mangata e ricevi subito per mail I TUOI CODICI SCONTO.
E non solo… con la newsletter settimanale ricevi anche le anteprime sulle novità e le promozioni.
Ti unisci a noi?
Inserisci qui il tuo indirizzo mail
Open chat
Ciao, posso aiutarti in qualche modo?